giovedì 6 marzo 2014

Il risotto

Partiamo proprio dal principio.
Il risotto è un primo piatto tipico della cucina italiana. 
La sua caratteristica principale è il mantenimento dell'amido che gelatinizzatosi a causa della cottura, lega i chicchi tra loro in un composto cremoso.
Tra le varie qualità di riso, ne esistono alcune particolarmente adatte alla preparazione del risotto:

  • Arborio: a cottura ultimata, i chicchi sono arrotondati, fermi e cremosi
  • Carnaroli: rispetto al riso Carnaroli tiene meglio la cottura re ha un maggiore contenuto di amido, consistenza più soda e il chicco più lungo
  • Maratelli: i chicchi sono tondeggianti, medi e ricchi di amido
  • Vialone nano: forma tondeggiante e di media grandezza, ha bisogno di almeno 16 minuti di cottura




Possiamo anche suddividerli anche in questo modo:
  • Risi comuni: preferibili per minestre, minestroni, dolci
  • Risi semifini: antipasti, risi in bianco, piatti unici, supplì, timballi, sartù, risotti
  • Risi fini: risotti, contorni
  • Risi superfini: risotti e contorni
Ecco a voi i consigli per creare un risotto perfetto! Cosa ci serve?
  • Brodo: Tradizionalmente il risotto è preparato con il brodo di manzo, ma anche i brodi a base di pollo, di pesce o di sole verdure sono ottimi. L'importante è che il brodo si armonizzi con gli altri ingredienti del risotto. Scaldatene un quantitativo pari a 3 volte il peso del riso.
  • Soffritto e aromi: mentre scaldate il brodo, in un tegame rosolate della cipolla o dello scalogno in una noce di burro. A seconda della ricetta potreste aggiungere delle erbe in questo passaggio. Rosolate la cipolla, aggiungete il riso e fatelo tostare nella padella, rigirando spesso per non farlo attaccare. Quando diventerà trasparente ai lati sarà pronto per la prima aggiunta di liquido. Io di solito prima di aggiungere il brodo aggiungo il vino bianco o rosso.
  • Girare girare: spesso si esagera con il dire che il risotto va girato in continuazione. Aggiungete poco brodo per volta, circa 125ml o il contenuto di un mestolo, e aggiungete nuovo brodo solo quando quello aggiunto in precedenza è stato assorbito del tutto. Mantenere il fuoco alto abbastanza per far sobbollire il brodo e il risotto.
  • Ingredienti: mentre il riso cuoce approfittatene per preparare gli ingredienti che userete per mantecare.
  • Quando è pronto?: il risotto è pronto quando è cotto al dente: consistente, ma non croccante sotto i denti. Se il risotto è troppo asciutto aggiungete qualche cucchiaio di brodo caldo all'ultimo minuto.
  • Mantecature: la mantecatura è il passaggio fondamentale per completare il risotto. E' il momento in cui si aggiungono gli ultimi sapori e condimenti. Dalle erbe fresche ai gamberetti, ai funghi, ma spesso l'aggiunga ti parmigiano reggiano e di una noce di burro sono tutto quello che vi occorre per un risotto favoloso.
Qui di seguito potete trovare tante idee per fare dei risotti perfetti:

Risotto...
Aceto balsamico
Alla carbonara
Barbabietola e taleggio
Barbabietola e scamorza affumicata
Birra e salsiccia
Crema di peperoni
Fichi e mascarpone
Fichi e taleggio
4 formaggi
Fragole e prosecco
Gamberi e fragole
Gamberi e zucchine
Menta e rosmarino
Mazzancolle e arancia
Nero di seppia
Pancetta, zucchine e zafferano
Pasta di salame
con porcini
Prosecco e scamorza
Pere e nocciole
Pere e gongorzola
Rucola, caprino e aceto balsamico
Radicchio
Salmone
Salsiccia  e mirtilli
Salsiccia e vino rosso
Speck e brie
Tomino e crudo
Zola e noci
Zucca

Scatti trovati su Pinterest 










Sul mio blog potete trovare la ricetta del mio risotto alle Fragole! Cliccate qui


Spero che questo post sia stato interessante per tutti voi, soprattutto per gli amanti dei risotti!
Al prossimo post!

mercoledì 5 marzo 2014

Nizza



Una giornata a Nizza, cosa vedere? 
Ascoltatemi bene, raggiunte la cima delle colline del castello a piedi o per i più pigri con l'ascensore.
Camminando ci si impiega circa un quarto d'ora e si possono fare diverse soste per ammirare il magnifico panorama che si apre sulla baia di Nizza.
Del castello non è rimasto un granché, ma l'intero parco è ricoperto di una bella vegetazione. C'è anche una cascata artificiale veramente suggestiva.
Ammirate che vista!





Seconda meta che vi consiglio è la Place Massena, con i suoi palazzi ottocenteschi dai toni rossastri.
E' circondata da splendidi portici e da un bellissimo giardino risalente all'800.


Dirigetevi poi verso avenue Jean Mèdecin, dove troverete tutte le principali catene di abbigliamento e accessori presenti anche in Italia come H&M, Bershka oltre alle famose Galeries Lafayette.
Superata Place Massena, addentratevi nelle città vecchie, situata sulla sinistra della piazza. Passeggiate tra gli stretti vicoli, curiosando qua e là nei tanti negozi di artigianato, cibo e abbiagliamento.
E' il luogo perfetto per prendervi una pausa e ricaricare le forze!
Ritornando sul lungo mare dovete assolutamente ammirare l'Hotel Negresco. Da un secolo il Negresco è un palazzo mitico, domina la Promenade des Anglais sulla Baia degli Angeli.


In conclusione, Nizza è una città da scoprire a piedi, una splendida città da scoprire a piedi.
A me è piaciuta tantissimo!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...