lunedì 12 maggio 2014

Paella a modo mio

La prima, vera, Paella nasce a Valencia ed è, come per la maggior parte dei piatti tradizionali, frutto della fantasia popolare dei contadini, gente umile e povera, che lavoravano nelle campagne e nelle risaie e che, all'ora di pranzo, si riunivano e preparavano questo piatto con tutto ciò che avevavo a disposizione: riso, anatra, coniglio, fagiolini, pomodoro, zafferano e, se se ne trovavano in giro, lumache.

Alla fine del XIX secolo, da ricetta popolare, la Paella iniziò ad essere proposta anche nei menù delle osterie e nei chioschi sulle spiaggie di Valencia ed Alicante da dove si diffuse in tutta la Spagna e poi in tutto il mondo grazie ai turisti.

Etimologicamente la parola "Paella", deriva dal latino "patella" da cui deriva anche l'italiano padella e indica, appunto, una padella in ferro molto larga e poco profonda munita di due impugnature opposte, che veniva utilizzato soprattutto dai Valenciani per cucinare piatti a base di riso o di fideos (gli spaghetti spagnoli).
Inizialmente la paella veniva chiamata "arròs a la paella" ovvero riso in padella, ma col tempo si è affermato l'uso di indicare col termine paella, la ricetta, mentre la padella in se stessa viene chiamata "paellera".



Ingredienti per 4 persone
400 g di riso
1 scatola di piselli
2 peperoni
200g di gamberi
200g di totani
300g di cozze
200g di vongole
1 cipolla
2 bustine di zafferano
2 cucchiaini di cumino
1 cucchiaino di paprika
vino bianco q.b.
sale q.b.
pepe q.b.
1 limone

Procedimento
Preparate un soffritto di cipolla, poi fate abbrustolire i piselli e i due peperoni. Quando sono quasi a cottura ultimata versare i totani e i gamberi e fateli abbrustolire leggermente.



Versare a pioggia il riso e tostare a fiamma alta. 


Unire due bicchieri di vino bianco e far evaporare.


Versare il brodo preparato precedentemente dopo avergli fatto sciogliere all'interno due bustine di zafferano.
Bisogna coprire totalmente il riso e i frutti di mare.


Cuocere a fiamma medio-alta fino a quando il brodo evapora completamente.


Far abbrustolire ancora un minuto, altrimenti mettere la paella per 5 minuti nel forno con modalità grill.


Aggiungere il limone a spicchi ed ecco la nostra paella pronta.


Questa è la nostra tavola. Molto easy! Buon appetito!


Un abbraccio a tutti.

2 commenti: